10 luglio 2017

Rinnovabili vs Fossili: costi di produzione elettrica, chi vince?

In metà dei paesi del G20 le fonti rinnovabili sono sono già oggi al ari o più convenienti del carbone o del nucleare.

Costi di produzione elettrica a confronto

Puntare sull’energia pulita non è più una questione puramente ambientale. I costi di produzione elettrica da fonti rinnovabili hanno raggiunto il punto di svolta e, in metà delle potenze del G20, riescono a tener testa, se non addirittura a esser più convenienti, di fossili e nucleare. Lo ha dimostrato il celebre impianto Hinkley Point C del Regno Unito: il prezzo fisso concordato per l’energia della centrale atomica supera di gran lunga le più recenti offerte eoliche.

A ribadirlo è oggi un nuovo studio commissionato da Greenpeace alla Lappeenranta University della Finlandia. Il report compara gli attuali costi di produzione elettrica di energie verdi con carbone, gas e “atomo” allungando le previsioni fino al 2030.

 

E se l’energia prodotta dalle centrali eoliche è risultata, fin dal 2015, l’opzione più conveniente in vaste parti d’Europa, Sud America, Stati Uniti, Cina e Australia, per il futuro lo studio prevede un vero e proprio boom del fotovoltaico. Di questo passo, spiegano gli autori, l’energia solare sarà la fonte più conveniente (anche rispetto al vento) nella gran parte dei Paesi del G20.

I dati pubblicati solo poco tempo fa da UNEP e BNEF mostrano come le tecnologie verdi abbiano tagliato drasticamente i costi.  Lo scorso anno, il costo medio dell’elettricità prodotta attraverso il sole è calato a livello globale del 17 per cento; meglio ancora ha fatto l’eolico, diminuendo i prezzi del 18 per cento negli impianti a terra e addirittura del 28 per cento per quelli offshore. I record toccati in Marocco e Abu Dhabi nel 2016, rispettivamente con un’offerta di 26 euro al MWh per una wind farm e di 24 euro al MWh per un progetto solare, sono solo le ultime buone performance un percorso costante.

“La protezione del clima ha sempre più senso sotto il profilo economico per il G20, man mano che le fonti rinnovabili diventano più convenienti del carbone e del nucleare”, commenta Tobias Austrup di Greenpeace Germania. “Qualsiasi paese del G20 stia ancora investendo in centrali a carbone e atomiche, sta sprecando i propri soldi su una tecnologia che non sarà competitiva nei prossimi anni”.

 

Fonte: Rinnovabili.it