20 gennaio 2017

Eventi climatici estremi: è boom nel 2016, anche in Europa

In Europa, dal 1980 a oggi, inondazioni e bombe d’acqua sono raddoppiate. A livello globale le catastrofi naturali legate ai cambiamenti climatici sono cresciute di dieci volte.

Eventi climatici estremi: è boom nel 2016, anche in Europa

Gli scienziati del clima lanciano da tempo l’allarme sugli effetti dei cambiamenti climatici, tra cui l’aumento degli eventi climatici estremi come inondazioni e tifoni. Lo fanno raccogliendo una mole di dati di diversa provenienza, da ogni parte del globo, per poi inserirli in modelli predittivi e cercare di capire le tendenze più probabili per il futuro. Ogni tanto, però, è bene fermarsi e rivolgere lo sguardo indietro per fare il punto della situazione e osservare le tendenze già consolidate.

Mentre la scienza del clima ha i suoi criteri per valutare l’intensità e gli effetti dei disastri naturali, nulla vieta di adottare una prospettiva diversa, certo meno “ortodossa” ma comunque molto significativa: ad esempio quella delle grandi assicurazioni e delle loro valutazioni dei danni. Così, una buona cartina tornasole dello stato di salute della Terra la si può leggere tra le pagine di una ricerca, appena pubblicata, della più grande compagnia di assicurazioni al mondo, la Munich Re.

 

eventi climatici estremiUn esercizio utile per sfatare alcune percezioni errate che in molti hanno, per esempio l’idea che eventi climatici estremi siano una prerogativa di aree lontane del Pianeta, come il sud-est asiatico, mentre il nostro continente tutto sommato venga risparmiato. La realtà è un’altra: il numero delle inondazioni devastanti è più che raddoppiato in Europa dal 1980 a oggi, calcola Munich Re. I numeri, in termini assoluti, sono sì contenuti (30 eventi nel 2016 contro i 12 del 1980) ma rivelano una tendenza da non sottovalutare. Lo stesso, spiega l’assicurazione, vale per le tempeste. Le bombe d’acqua che stanno colpendo sempre più di frequente Genova, Liguria e Costa Azzurra dovrebbero indurre a non sottovalutare questi fenomeni.

Ad ogni modo, il trend è ancora più evidente se si allarga lo sguardo a livello globale: l’anno scorso sono avvenute 384 gravi inondazioni rispetto alle 58 di 37 anni fa, dieci volte tanto. Ancora più in generale, guardando il tasso di eventi climatici estremi nel loro complesso, si registra una tendenza in forte aumento: nel 2016 le catastrofi naturali sono state 750 contro una media dell’ultimo decennio ferma a 590 (e quella degli ultimi 30 anni ancora più bassa, a 470 disastri l’anno).

Munich Re avverte che questi trend non sono però lineari: seguono un andamento significativamente determinato dalle emissioni antropiche di gas serra. “Sfortunatamente tutto ciò è in linea con i cambiamenti climatici – spiegano dall’assicurazione – E’ incredibile quanto questi sviluppi aderiscano ai risultati dei modelli climatici”.

 

Fonte: Rinnovabili.it